Accesso ai servizi

EMERGENZA UCRAINA

EMERGENZA UCRAINA

EMERGENZA UCRAINA - Informazioni per la PRIMA ACCOGLIENZA
In queste giornate frenetiche tra aiuti da inviare e la situazione della guerra in Ucraina da tenere sotto controllo, tanti nostri concittadini stanno chiedendo informazioni certe e precise per due casistiche in particolare:

- i ricongiungimenti dei parenti delle persone ucraine già residenti in Italia;
- l'accoglienza e ospitalità dei profughi che scappano dalla guerra.
Il Comune di Solbiate con Cagno insieme alla Caritas diocesana, non avendo immobili o alloggi da mettere a disposizione, è in contatto e seguirà le indicazioni della Prefettura di Como, dell'ANCI, ATS Insubria e del Consorzio dei Servizi Sociali dell’Olgiatese per coordinare le attività di prima assistenza.
Qui di seguito si sintetizzano le prime indicazioni da seguire per l'accoglienza e l'ospitalità.

ADEMPIMENTI BUROCRATICI

Si ricorda che quanti hanno accolto o accoglieranno persone provenienti dall’Ucraina sono tenuti a compilare e inviare entro 48 ore dal loro arrivo la "dichiarazione di ospitalità" indirizzata al SINDACO, autorità di pubblica sicurezza, presso l’Ufficio Demografici/Anagrafe del Comune di Solbiate con Cagno.
Inoltre, tutti i profughi – entro 8 giorni dal loro arrivo – devono presentarsi all’Ufficio Immigrazione della Questura di competenza.

COME SEGNALARE L’ACCOGLIENZA DI PROFUGHI UCRAINI

Per gestire l’ospitalità in questa fase di emergenza da parte dei cittadini che si stanno spontaneamente offrendo per accogliere cittadini/e ucraini/e in fuga dalla guerra, chiediamo di seguire le seguenti indicazioni.
Cosa devo fare se accolgo in una casa di cui sono titolare (proprietario o affittuario) persone ucraine?

Modalità della comunicazione per alloggi offerti da privati
Per le comunicazioni di ospitalità offerta da privati è possibile utilizzare gli appositi modelli allegati:
Occorre compilare il modulo Comunicazione di ospitalità cittadini extracomunitari: contattare l’ufficio Demografici/Anagrafe per l’ottenimento e la compilazione della modulistica;  
- Consegnandoli all'ufficio Demografici/Anagrafe oppure via email a demografici@comune.solbiateconcagno.co.it corredati dei documenti di identità dei firmatari ed i dati richiesti.
- Per rispettare i tempi di presentazione della Comunicazione, non è necessario fissare un appuntamento per recarsi in Comune.

HAI UNA DISPONIBILITÀ ALL’ACCOGLIENZA

1) Hai disponibilità di spazi in cui ospitare i profughi? Conosci qualcuno che ha bisogno di un aiuto?
Hai altre competenze da mettere a disposizione?
Contatta la segreteria della Caritas Diocesana di COMO utilizzando la mail dedicata all’emergenza: emergenzaucraina@caritascomo.it

2) HAI un alloggio o una disponibilità per ospitare a SOLBIATE CON CAGNO?
Manda una mail con i tuoi dati e le caratteristiche dell'alloggio a: 
sindaco@comune.solbiateconcagno.co.it

BENVENUTO IN ITALIA

Quali sono gli obblighi sanitari da rispettare per far fronte alla pandemia, a chi rivolgersi per usufruire di un alloggio, come regolarizzare la propria posizione in Italia.
Sono solo alcune delle indicazioni contenute nella scheda “Benvenuto in Italia”, realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile e dal Ministero dell’Interno per i cittadini ucraini che sono entrati o stanno entrando nel nostro Paese e per i quali si sta predisponendo un piano di prima accoglienza.
La scheda è disponibile in italiano, ucraino e inglese.
RACCOLTA FONDI
La Caritas diocesana di Como ha lanciato una campagna di raccolta fondi a sostegno degli interventi di emergenza della rete Caritas in Ucraina, nei Paesi di confine, in Italia.

È possibile partecipare con donazioni indirizzate a: c/c bancario presso Credito Valtellinese IBAN: IT 95 F 05216 10900 0000 0000 5000 intestato Caritas Diocesana di Como – Viale Battisti 8 – 22100 Como.
Causale: Emergenza Ucraina

Se la persona che arriva necessita di cure mediche dove posso andare?
  1. Tutti i cittadini ucraini presenti possono accedere alle cure emergenziali al Pronto Soccorso, pagando eventualmente il ticket se la prestazione non era urgente;
  2. Si suggerisce di portare con sé passaporto e eventuali medicine o terapie seguite;
  3. Tutti i minori possono accedere al pronto soccorso per le valutazioni urgenti, nei prossimi giorni si chiariranno le modalità di accesso ai pediatri locali.
Si sottolinea che le informazioni qui presenti saranno oggetto di aggiornamento continuo in base alle indicazioni che saranno fornite dallo Stato.

Grazie a tutti per la preziosa collaborazione.

Il vostro Sindaco,Dott. Federico Broggi

Documenti allegati:

Ignora collegamenti di navigazione